IMAGINARY FREAK SHOW – TRAVIS LOUIE

Travis Louie
In the 19th and early 20th century, there was a constant look for the unknown, for what was different or weird. The Freak Shows were literally shows of oddities. There, you could find the most absurd things, people with unique abilities, such as swords or fire-eaters, but also biological rarities, like Siamese twins or unusual-looking animals with physical deformities. The American artist Travis Louie, in his works, reproduces the characters of these shows like in the photographs that might have been taken in 1800. Women that seem ghosts, figures with six eyes, or ladies accompanied by yeti, are figures that populated the stages of these Freak Show imagined by the artist. So, with sepia tones, Travis makes us imagine a world where the extravagance and normality have reversed roles, where what has reason to be remembered forever is not a perfect color balance of a bean soup to post on instagram, but are people who have made strangeness their strength.

Nel XIX secolo e agli inizi del XX, c’era una assidua ricerca verso l’ignoto, verso ciò che era diverso o strano. I Freak Show era letteralmente una fiera di stranezze. Ci si potevano trovare le cose più assurde, persone con abilità uniche, come i mangiatori di fuoco o di spade, ma anche rarità biologiche, come gemelli siamesi o animali con malformazioni fisiche dall’aspetto inconsueto. L’artista americano Travis Louie nelle sue opere riproduce i personaggi di questi spettacoli come nelle fotografie che sarebbero potute esser scattate nel 1800. Donne che sembrano fantasmi, figure con sei occhi, o dame accompagnate da yeti sono le figure che popolavano i palchi di questi Freak Show immaginati dall’artista. Così, con toni color seppia, Travis ci fa immaginare un mondo dove la stravaganza e la normalità hanno ruoli invertiti, dove ciò che ha motivo di esser ricordato per sempre non è un perfetto equilibrio cromatico di una zuppa di fagioli da postare su instagram, ma sono persone che della stranezza hanno fatto il loro punto di forza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Support The Artocracy!

If you like our work please help us and click on any of these buttons!