REIFICATION – DARIO MAGLIONICO

“Life is a set
of places and people
who write time
our time.

Then these things
define us. ”

“La Vita è un insieme
di luoghi e di persone
che scrivono il tempo
il nostro tempo.

Sono queste che poi vanno
a definirci.”

Alessio Boero

Detail of Reification #9 by Dario Maglionico

Life is only a measure of time. 20, 50 or maybe 90, even 100 years, the end is just a sum of seconds. During this time we grow, we change, we become a unique person. The uniqueness is just the totality of the experiences accumulated in our lifetime. At the end, looking back, to really understand who we are, we have to observe those individual experiences, to see what they brought, and combining the impressions we made, we will have a rough and subjective idea of ourselves.
Dario Maglionico, with his latest collection “Reification”, try to be more scientific in the discovery of self. He abstracts. He reifies actions: he makes experiences of his subjects tangible. So one bedroom remains unchanged while the protagonist lives, performs the actions that will build his character, his person. But we, as observers, can seize those moments that helped to define an arm, a hairstyle, or even just one foot, and, trying to read also the habitat of the protagonist, we could be able to give shape to the figure represented by the artist.

La vita è solo un’unità di misura del tempo. 20, 50 forse 90 o addirittura 100 anni, alla fine è solo una somma di secondi. Durante questo tempo cresciamo, cambiamo, diventiamo una persona unica. L’unicità non è altro che la totalità di esperienze accumulate nell’arco della nostra vita. Alla fine, guardandoci indietro, per capire veramente chi siamo dovremo osservare quelle singole esperienze, vedere a cosa ci hanno portato, e unendo le impressioni che ci siamo fatti, avere un’idea approssimativa e soggettiva di noi stessi.
Dario Maglionico, con la sua ultima collezione “Reificazione”, cerca di essere più scientifico nella scoperta del proprio io. Si astrae. Egli reifica le azioni: rende materiali le esperienze dei propri soggetti. Così una camera da letto rimane immutata mentre il protagonista vive, compie le azioni che costruiranno il suo carattere, la sua persona. Noi invece, da osservatori, possiamo cogliere quei momenti che hanno aiutato a definire un braccio, un’acconciatura, o anche solo un piede, e, cercando di leggere anche l’habitat del protagonista, riuscire a dare una forma alla figura rappresentata dall’artista.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *