SOUL STAGES – ROBERTO FERRI

“People need a monster they can believe in. A true and horrible enemy. A demon to define themselves against. Otherwise, it’s just us versus us”.

“La gente ha bisogno di un mostro in cui credere. Un nemico vero e orribile. Un demone in contrasto col quale definire la propria identità. Altrimenti siamo soltanto noi contro noi stessi”.

Chuck Palahniuk

Roberto Ferri

Men with sculpted bodies, heroic and triumphant. And women with pale and delicate skin, demure as Venus. Roberto Ferri‘s representations transfer Caravaggio’s style into a dream. It’s just this dream, at times, turns out to be a nightmare: the human figures are caught in the moment their body begins to change, taking a demon feature. As the artist explains, the physical mutation is metaphorical projection of soul stages that human go through during his life; often these steps carry with them psychological dark. Subjects are completely isolated from the the outside world distractions, and they are absorbed into the vortex of their own feelings. In this way, they reveal even the most repressed character of their subconscious, creating a world where good and evil, sacred and profane, normality and monstrosities, coexist.

Uomini dai corpi scolpiti, dall’aria eroica e trionfante. E donne dalla pelle diafana e delicata, pudiche come Veneri. Le rappresentazioni di Roberto Ferri trasportano lo stile pittorico di Caravaggio all’interno di un sogno. Solo che questo sogno, a volte, si rivela essere un incubo: le figure umane sono colte nell’attimo in cui il loro corpo inizia a mutare, prendendo le sembianze di un demone. Come spiega l’artista, la mutazione fisica è la proiezione metaforica delle fasi che l’anima umana passa durante la sua vita, e molto spesso queste fasi portano con sé aspetti psicologici oscuri. I soggetti appaiono completamente isolati dalle distrazioni del mondo esterno, potendo così venire assorbiti nel vortice dei propri sentimenti. In questo modo, essi lasciano trasparire anche i caratteri più repressi del loro subconscio, creando un mondo in cui bene e male, sacro e profano, normalità e mostruosità, coesistono.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Support The Artocracy!

If you like our work please help us and click on any of these buttons!